Nar.Ti s.r.l. si distingue da altri produttori di biossido di titanio per essere l’unico in Italia a recuperare il prodotto da rifiuti industriali, con evidenti vantaggi di costi, prezzo e impatto ambientale. Il biossido di titanio estratto costituisce una materia prima importante per una molteplicità di produzioni nel settore delle vernici, del vetro, della ceramica, nonché come catalizzatore in grado di degradare per ossidazione numerosi composti organici: viene impiegato nello sviluppo di una nuova classe di materiali dotati di proprietà autopulenti e disinquinanti.

Il forte legame tra titanio e ossigeno conferisce grande stabilità termica, quindi, il biossido di titanio è utilizzato come materiale ceramico per aumentare la resistenza agli acidi degli smalti vetrosi. In particolare, il suo utilizzo è molto diffuso nella produzione di fritte bianche al titanio che vengono usate per la smaltatura di ceramica, elettrodomestici, lamiere, ecc. Prima dell’avvio delle lavorazioni a Nera Montoro, NarTi si è dotata di un importante impianto di abbattimento fumi e polveri, per un investimento complessivo di 2,8 milioni di euro a garanzia di un’attività che, nel rispetto della comunità ospitante, sia non solo in regola coi parametri ambientali previsti a norma di legge, ma non risulti affatto impattante in termini odorigeni.

Nera Montoro

L'impatto sul traffico veicolare, inoltre, è limitato alla circolazione di un autotreno al giorno in entrata e solo otto al mese in uscita.

Negli obiettivi di medio-lungo periodo Nar.Ti potrebbe anche considerare la possibilità di sfruttare la linea ferroviaria per convertirsi al trasporto su ferro anziché su gomma.

Sviluppo

La scelta di installare gli impianti nello storico sito della Terni Industrie chimiche deriva anche da questo. L’approccio che NarTi ha scelto per lo sviluppo della propria attività si basa su tre presupposti fondamentali:

Innovazione tecnologica
Garanzia del rispetto delle normative vigenti
Trasparenza nel contesto territoriale

Trasparenza

L’impianto di produzione è tecnologicamente tra i più avanzati esistenti oggi sul mercato, sono state progettate e inserite soluzioni innovative per l’abbattimento radicale di qualsiasi tipo di emissione (fumi, polveri, odori). L’impianto e i servizi connessi sono stati progettati seguendo le migliori tecniche disponibili, per garantire delle performance di produzione con effetti largamente al di sotto dei parametri ambientali previsti.

NarTi intende stabilire un rapporto positivo con il territorio, fondato su un percorso di trasparenza delle azioni messe in campo, a cominciare dalle informazioni a garanzia della salvaguardia ambientale e lo sviluppo di sinergie con tutte le componenti del sistema territoriale. Tale impegno passa attraverso tre iniziative:

Il coinvolgimento del Polo scientifico di Terni dell’ateneo perugino in uno studio per l’analisi del ciclo di vita del prodotto al fine di certificare l’impatto positivo che i processi di trasformazione a cui viene sottoposto, generano all’Ambiente;

A consulenza dello stesso Polo scientifico per redigere, il Bilancio di sostenibilità, destinato ad accompagnare quello economico finanziario della società, anche in questo caso per certificare l’impatto positivo dell’insieme delle attività aziendali rispetto ai principali parametri green;

La creazione di una comunità energetica da fonti rinnovabili: l’obiettivo è di gestire localmente la produzione di energia elettrica e di consumarla contestualmente alla sua produzione, nelle ore di basso o non consumo distribuirla sul territorio a prezzi molto vantaggiosi o gratuitamente per le abitazioni civili.

 

2300 mq

di superficie
occupata dagli impianti

 

25 ton

di fanghi in entrata
ogni giorno

 

800°

temperatura del forno per
l'essiccazione

 

1500 ton

di biossido di titanio
recuperato ogni anno

 

3500 ton

di fango
lavorato ogni anno